Grazie di esserti iscritto alla newsletter di Xing. Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato. Thanks for joining the Xing newsletter. You’ll receive an email notification.

Versione

Pierre Coulibeuf

 
 

Regista dei passaggi e delle metamorfosi, il film-maker francese Pierre Coulibeuf ha realizzato sino ad oggi una ventina di produzioni video-cinematografiche all'interno di un progetto interdisciplinare che mette in contatto arti visive, cinema, fotografia, performance, letteratura e pittura in un gioco di relazioni variabili. Per Coulibeuf il cinema è inteso come luogo sperimentale in cui si confrontano e si interrogano reciprocamente diversi metodi produttivi e pratiche artistiche. Come afferma il regista, il suo non è un approccio documentario. Creazione condivisa quindi, quella praticata da Coulibeuf assieme agli artisti oggetto-soggetto dei suoi film-ritratto, per opere cinematografiche che risultano essere un prolungamento originale degli immaginari artistici di partenza e non un semplice rilevamento. Ammiratore di Pierre Klossowski (a cui ha dedicato un trittico) a lui si ispira adottando il termine di film-simulacro. "In questo caso il film non imita l’opera-pretesto; anzi, si stabilisce una distanza tra l’uno e l’altra, un luogo di tensione e di differenza. Non si tratta di adattare storie o prendere a prestito aneddoti biografici, ma di ‘adattare’ le caratteristiche formali di un lavoro o di una scrittura. Non mi interessa realizzare un film ‘su’ un tale o talaltro artista, ma piuttosto fare un film che parte da un altro universo mentale, realizzando il massimo trasferimento di energia da un sistema all’altro. Il nuovo lavoro che ne risulta è un simulacro; il simulacro è il risultato di un’operazione che Klossowski definisce come trasposizione, in un oggetto, delle forze che spingono il lavoro di un artista. Il simulacro ‘simula un’agitazione invisibile’. Trasporre è cambiare forma e contenuto passando a un altro dominio. Ed è proprio tra discipline, tra generi, tra metodi produttivi, tra una soggettività e l’altra, in questo spazio eternamente instabile, che un film può costruire se stesso. Il simulacro persegue un fine totalmente diverso dalla comunicazione intelligibile: aspira alla complicità."