Grazie di esserti iscritto alla newsletter di Xing. Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato. Thanks for joining the Xing newsletter. You’ll receive an email notification.

Versione

IL TERZO REICH - rave & record launch

di Romeo Castellucci/Scott Gibbons

8/9/2022 - 8/9/2022

Giovedi 8 settembre 2022 alle 21.30 Xing presenta sotto le Torri di Kenzo a Bologna IL TERZO REICH, un evento live di immagine e suono del regista Romeo Castellucci, in occasione dell’uscita dell’omonimo LP di Romeo Castellucci e Scott Gibbons per XONG collection – dischi d’artista.

IL TERZO REICH è l’immagine e il suono di una comunicazione inculcata. Su uno schermo nero lampeggia la quasi totalità dei sostantivi della lingua italiana, circa quattordicimila parole. Qui, il linguaggio-macchina ingoia interi ambiti di realtà, là dove i beat, come i nomi, appaiono uguali nella loro serialità meccanica, come fossero i blocchi edilizi di una conoscenza che non lascia scampo. Ogni pausa è occupata: un trattamento che attacca la capacità mnestica, incapace di trattenere una parola che appare nel baleno di microsecondi. L’opera di Romeo Castellucci e di Scott Gibbons è un flusso inarrestabile che tutto travolge e dove la trasparenza totalitaria del linguaggio lascia emergere la fisicità del suono in tutta la sua intensità.

I nomi rappresentano potenzialmente tutti gli oggetti della realtà dotati di un nome. La velocità di sequenza è commisurata alla capacità retinica e mnestica di trattenere una parola che appare nel baleno di un ventesimo di secondo. Si tratta di comprimere lo sguardo sul punto critico di fusione, poco prima della perdita dell’aggancio percettivo, nello sfarfallamento che sfugge alla netta distinzione dei singoli termini. Il frenetico e liminale susseguirsi delle parole fa sì che alcune di esse rimangano impresse nella corteccia visiva di ciascun spettatore; altre – la maggioranza – andranno perse. Lo spettatore, esposto a questo trattamento, subisce la parola umana sotto l’aspetto della quantità. Non il cosa, ma il quanto. L’affastellarsi frenetico delle nominazioni non lascia nessuno spazio alla scelta o discernimento. Il nucleo del linguaggio ritorna al rumore bianco, che riporta al caos.

Hole è un nuovo formato che Xing si accinge a sperimentare, occupando e attivando luoghi non istituzionali come ridefinizione temporanea di uno spazio pubblico.

Romeo Castellucci, regista, creatore di scene, luci e costumi,è conosciuto in tutto il mondo per aver dato vita a un teatro fondato sulla totalità delle arti e rivolto a una percezione integrale dell’opera. Il suo teatro propone una drammaturgia che ribalta il primato della letteratura, facendo della scena una complessa forma d’arte, fatta di immagini straordinariamente ricche, espressa in un linguaggio comprensibile come la musica, la scultura, la pittura o l'architettura. Le messe in scena di Castellucci sono tuttora regolarmente invitate e prodotte dai più prestigiosi teatri e festival internazionali, in oltre sessanta paesi che coprono tutti i continenti. È stato direttore della sezione Teatro alla Biennale di Venezia, Artiste Associé al Festival di Avignone, ed è attualmente Grand Invité alla Triennale di Milano e regista ospite alla Schaubühne di Berlino. Il Festival d’Automne di Parigi ha presentato per due anni consecutivi una antologica del suo lavoro. Insignito del titolo di Chevalier des Arts et des Lettres della Repubblica Francese e della Laurea honoris causa dell’Ateneo di Bologna, è membro dell’Accadémie Royale de Belgique e ha ricevuto, tra gli altri riconoscimenti internazionali, il Leone d’oro alla Biennale di Venezia e due Golden Mask per la lirica. Tra le sue creazioni più recenti: le opere teatrali Schwanengesang D744 (2013), La vita nuova (2018), Il Terzo Reich (2020), Bros (2021), la regia delle opere liriche Don Giovanni (2021), Pavane für Prometheus IX (2021), Il Castello di Barbablù De Temporum Fine Comoedia (2022), l’azione pubblica Milano (2021), e l’installazione domani (2022).   www.societas.es

Scott Gibbons è un compositore americano, interprete di musica elettroacustica, figura seminale della dark ambient e micromusic. Attivo da oltre 30 anni nel campo della sperimentazione sonora, si muove su di un doppio binario tra fonti organiche e potenzialità tecniche. Partendo dallo studio delle frequenze, ricerca suoni estratti dalla profondità della materia, captandone l’emergenza dalle superfici delle cose, dai volumi e dai movimenti più nascosti (rocce, incendi, carta, aria). Ogni suono così ottenuto si mantiene aderente alla propria radice, caricandosi di energia latente e significato, tra piano molecolare e piano cosmico. Nel 1998 inizia a lavorare con il regista Romeo Castellucci e Societas per Genesi. From the museum of sleep, e i grandi cicli Tragedia Endogonidia e La Divina Commedia. Ha pubblicato più di 30 album in solo o in collaborazione, tra cui i lavori elettroacustici Stone e Redwing (Sub Rosa)pubblicati sottolo pseudonimo Lilith;The Cryonic Chants (KML Recordings) suite composta con Chiara Guidi; Il Terzo Reich (Xing) mantra techno per Romeo Castellucci; My Computer My Stereo (Thousand) synthpop del duo Orbitronik; Dialtones. A Telesymphony (Staalplaat) performance sonora per più di 200 cellulari con Levin & Shakar. Gibbons ha anche creato le composizioni per spettacoli di fuochi d’artificio del Groupe F in occasione dell’inaugurazione del Louvre Abu Dhabi e per la celebrazione del 120° anniversario della Torre Eiffel utilizzando i suoni della torre come percussioni. Ha collaborato inoltrecon artisti di ambiti diversi tra cui Hilliard Ensemble, Survival Research Labs, Dead Voices On Air, Not Breathing e The Flying Luttenbachers.     http://www.scottgibbons.org

Dove:
Hole  44°30'30.0"N  11°21'54.3"E
Torri di Kenzo - Piazza Renzo Imbeni - Bologna
 
accesso gratuito
 
Xong contatti:
 
*** 

Thursday 8 September2022 at 9.30 pm, under the Towers designed by architect Kenzo Tange in Bologna, Xing presents IL TERZO REICH (THE THIRD REICH), an urban rave with visuals and sounds by the director Romeo Castellucci and the electroacoustic composer Scott Gibbons, on the occasion of the record launch of the homonymous LP for XONG collection - artist records.

IL TERZO REICH is the image and sound of an inculcated communication. The nouns of the Italian language flash on a giant black screen, about fourteen thousand words. Here, a language-machine devours entire spheres of reality, as the beats, like the nouns, appear the same in their mechanical seriality, as if they were the building blocks of a knowledge that leaves no way to escape. Unrelenting, each opening occupied: a treatment that attacks our mnestic capacity. This work by Romeo Castellucci and Scott Gibbons is an unstoppable flow that overwhelms everything, where the totalitarian transparency of language lets the physicality of sound emerge in all its apodictic intensity.

IL TERZO REICH is based on a spectral representation of all names. The nouns potentially represent all objects in reality that have a name. The speed of the sequence is given by our ability, based on our retina and our memory, to retain a word that appears in a flash of microseconds. This constricts our gaze, which soon reaches atipping pointwhere a fusionoccurs, just before our perception loses its grip. In the resulting flicker, it is no longer possible to distinguish the single terms. In the borderline situation created by this frenetic series of words, some of them will leave a trace on each spectator’s visual cortex, while others, the majority, will be lost. The spectator, defenceless when treated in this way, is subjected to the human word, as a matter of quantity. Not what, but how much. This furious bundle of nouns leaves no room for choice nor discernment. The nucleus of language returns to white noise, which leads to chaos.

Hole is a new format that Xing is about to experiment, occupying and activating non-institutional places as a temporary redefinition of a public space.

Romeo Castellucci, Italian director, creator of sets, lights and costumes, is known over the world for creating a theater based on the totality of arts and aimed at an integral perception of the work. His theater proposes a dramaturgy that overturns the primacy of literature, making the stage a complex form of art, made up of extraordinarily rich images, expressed in an understandable language such as music, sculpture, painting or architecture. Castellucci's stagings are regularly invited and produced by the most prestigious international theaters, festivals and opera houses, in over sixty countries covering all continents. He was director of the Theater section at the Venice Biennale, Artiste Associé at the Avignon Festival and is currently Grand Invité at the Milano Triennale and guest director at the Schaubühne in Berlin. The Paris Festival d’Automne has presented an anthology of his work for two consecutive years. Awarded the title of Chevalier des Arts et des Lettres of the French Republic and an honorary degree from the University of Bologna, he is a member of the Accadémie Royale de Belgique and received, among other international awards, the Golden Lion at the Venice Biennale Teatro and two Golden Masks for Opera. His most recent productions are the theatre works La vita nuova (2018), Il Terzo Reich (2020), Bros (2021), the direction of the lyric operas Don Giovanni (2021), Pavane für Prometheus IX (2021), Il Castello di Barbablù andDe Temporum Fine Comoedia (2022), the outdoor actionMilano (2021) and the installation domani (2022).  www.societas.es

Scott Gibbons is an American-born composer and performer of electroacoustic music. Active for over 30 years in the field of sound experimentation, he is a seminal figure for dark ambient and micromusic, utilizing a two-fold exploration into the possibilities of natural acoustic phenomena on the one hand, and those of audio technology on the other. Focused on the study of perception, he extracts sounds from the depth of matter, capturing their emergence from the most hidden volumes and movements, between the molecular level and the cosmic plane. Each sound thus obtained retains a connection to its root but is charged with latent energies and significance. Since 1998 he has created music and sonic events for the award-winning theatre productions of Romeo Castellucci and Socìetas Raffaello Sanzio (Genesi. From the Museum of Sleep, the cycles of Tragedia Endogonidia and La Divina Commedia). He has released more than 30 albums with various groups and solo, including electroacoustic works Stone and Redwing (Sub Rosa) released under the pseudonym Lilith; The Cryonic Chants (KML Recordings) suite composed with Chiara Guidi; Il Terzo Reich/The Third Reich (Xing) techno mantra for Romeo Castellucci; My Computer My Stereo (Thousand) synthpop by Orbitronik; Dialtones. A Telesymphony (Staalplaat) sound performance for more than 200 mobile phones with Levin & Shakar. Gibbons also creates music for large-scale firework spectacles with Groupe F, for the inauguration of the Louvre Abu Dhabi, and for the 120th anniversary celebration of the Eiffel Tower incorporating sounds of the tower itself. He has also collaborated with artists as diverse as the Hilliard Ensemble, Survival Research Labs, Dead Voices On Air, Not Breathing, and The Flying Luttenbachers.  www.scottgibbons.org

Where:
Hole  44°30'30.0"N  11°21'54.3"E
Torri di Kenzo - Piazza Renzo Imbeni - Bologna
 
free access