Grazie di esserti iscritto alla newsletter di Xing. Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato. Thanks for joining the Xing newsletter. You’ll receive an email notification.

Versione

Evaporation d’une certaine quantité d’eau

intervento/performance di Matthieu Saladin

7/3/2014 - 7/3/2014

Venerdi 7 marzo 2014 Xing e Sant'Andrea degli amplificatori presentano Evaporation d'une certaine quantté d'eau, un intervento/performance di Matthieu Saladin pensato appositamente in relazione agli spazi ed al contesto di Raum e realizzato con Esteban Ayala, Federico Cataldo, Mario Guida, Valerio Maiolo, Amirabbas Mohammadi.

Esteban Ayala, nato a Quito, in Ecuador, nel 1978, vive e lavora a Bologna, dove studia al biennio specialistico in Ricerca e progettazione per le arti visive presso la cattedra di Luca Caccioni all'Accademia di Belle Arti.


www.estebanayala.com

Federico Cataldo nasce a Faenza nel 1987, John Hawkwood nel 1320. Il primo è studente di musica elettronica al Conservatorio G.B. Martini, il secondo capitano di ventura medievale. Lavorano a stretto contatto nel campo della musica elettronica acusmatica, del sound design e field recording. Mikro-Arbeit, il loro primo lavoro, è stato premiato a TempoReale festival 2013 e pubblicato su TR Collection.

Mario Guida, musicista e ingegnere elettronico, compone opere sonore utilizzando modelli, strumenti e linguaggi della tecnologia e della ricerca scientifica. Lavora come Creative Coder curando la realizzazione di installazioni multimediali e conduce corsi formativi finalizzati all'apprendimento dei linguaggi e delle tecnologie dell'arte interattiva e multimediale.

www.marioguida.org

Valerio Maiolo compone oggetti (sonori) e studia le relazioni fra di essi. È studente di musica elettronica al Conservatorio G.B. Martini.

Amirabbas Mohammadi, nato a Teheran nel 1983, vive a Bologna dal 2010 e studia composizione e musica elettronica al Conservatorio G.B. Martini. Ha collaborato con diverse scuole come insegnante di violino o direttore d'orchestra, ha partecipato a festival fra cui AngelicA 2011 e The Schoemberg Experience e collabora con Tempo Reale, Firenze.

Sant'Andrea degli amplificatori è una organizzazione indipendente, attiva a Bologna dal 2007, che si occupa di musiche di ricerca, privilegiando nuove figure autoriali della scena italiana e internazionale per creare processi e terreni fertili alla discussione attorno a fenomeni culturali liminali.