Grazie di esserti iscritto alla newsletter di Xing. Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato. Thanks for joining the Xing newsletter. You’ll receive an email notification.

Versione

Die Schmetterlinge essen die Bananen

Installazione di Marcello Maloberti

3/12/2009 - 3/12/2009
Raum Bologna

Giovedi 3 dicembre 2009 Raum/Xing e déjà.vu presentano negli spazi di Raum, l’installazione di Marcello Maloberti & guests Die Schmetterlinge essen die Bananen (Le Farfalle mangiano le Banane), realizzata per l’occasione su invito delle due strutture organizzative.

Marcello Maloberti, artista tra i più versatili e interessanti dell’attuale panorama italiano è stato scelto per la capacità di elaborare pratiche performative e di relazione con lo spazio urbano e la società. La sua permanenza produttiva a Bologna si è articolata in un worklab e in un secondo momento di presentazione pubblica dell’installazione realizzata. Die Schmetterlinge essen die Bananen (Le farfalle mangiano le Banane) è l’atto conclusivo di un’operazione pensata da Maloberti secondo una struttura operativa che formalizza una continuità tra la dimensione intima dello spazio (Raum), che accoglie l’installazione (un’auto parcheggiata nel buio che produce visioni e spaventi sonori) e la dimensione pubblica delle performance urbane (immagini di periferie deserte e silenziose svelano tracce di selvatico ed esotico che la città contemporanea esprime, diventando sfondo di ascolti personali in cuffia).
Le performance sono state realizzate in occasione del laboratorio di tre giorni che Marcello Maloberti ha tenuto dal 25 al 27 novembre a Raum e nelle periferie di Bologna, al quale hanno partecipato nove giovani artisti invitati dall’artista ad intessere una relazione performativa con gli elementi del paesaggio urbano, per evidenziare situazioni, immagini oniriche ed aspetti remoti, sospesi o idilliaci della città.
Al laboratorio partecipano Giovanni Bellavia, Sara Colonna, Alessio Cusano, Daniele de Vitis, Elisa Fontana, Valeria Guazzelli, Anna Messeri, Angelica Porrari, Andrea Rinaudo, selezionati per le loro attitudini performative tra i talenti più promettenti dell’Accademia di Belle Arti di Bologna e del DAMS.