Grazie di esserti iscritto alla newsletter di Xing. Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato. Thanks for joining the Xing newsletter. You’ll receive an email notification.

Versione

Tarwater

 
 

Tarwater incidono per Kitty-Yo, l'etichetta berlinese di culto nella scena arty. Attualmente sono considerati una delle formazioni di riferimento in Europa nell'area della musica elettronica non dance oriented. I loro schemi sonori si muovono tra strumentazione tradizionale ed elettronica. Con l'album Dwellers on the Threshold, titolo esoterico da un'opera del pittore cult Austin Osman Spare, la linea di demarcazione tra songwriting e programmazione di studio è diventata straordinaria.  La loro ricerca, cominciata con gli album Silur e Animals, Suns&Atoms, si situa nella scia dell'elettronica tedesca anni Settanta riaggiornata fino a sciogliersi in una miscela perfetta fra pop e sperimentazione, new wave e techno astratta. Nella produzione dell'ultimo album  si sono aggiunti il performer norvegese Tone Avenstroup, Nicholas Addo-Nettey (percussionista proveniente dal Ghana, già parte della leggendaria band di Fela Kuti) e Stefan Schneider (membro stabile di Mapstation e To Rococo Rot). La performance per Netmage 03 sarà arricchita da un  visual act live appositamente concepito da Lillevän Pobjoy.

tarwater.de

Tarwater hardly can be classified. Their sound patterns change between traditional instruments and modern electronica, between songs and tracks. Unpretentiously and with economy, this is how Tarwater use their material on their fourth album release. On “Dwellers on the Threshold” the demarcation line between songwriting and trackmodelling which is characteristic for Tarwater is remarkable. Literally spoken, the album resembles a collection of short stories that narrate a non-linear story. A story about trivial and mysterious in-betweens. The Tarwater live act at Netmage 03 are accomplished with special projections by the video performer Lillevän Pobjoy and are designed to escape the limits of electronic performance, preferring to reach the outer space with sounds and visions than making your feet moving.