Grazie di esserti iscritto alla newsletter di Xing. Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato. Thanks for joining the Xing newsletter. You’ll receive an email notification.

Versione

Ù

 TRIPLA

 
 

Ù è l'intervento realizzato da Paolo Bufalini e Filippo Cecconi a TRIPLA, spazio espositivo da loro fondato nel 2016. Situata nel pieno centro di Bologna e costituita da tre vetrine illuminate 24/7 il cui contenuto è fruibile esclusivamente dall'esterno, TRIPLA è fin dall'inizio considerata dai suoi fondatori come un'estensione della loro pratica artistica, un dispositivo all'interno del quale convogliare sensibilità differenti e sperimentare nuove modalità espositive.
In occasione di Live Arts Week, lo spazio verrà utilizzato non come contenitore, ma come medium in senso plastico. Se la similitudine che si crea tra le vetrine illuminate e dei monitor, con un ricambio costante di contenuti, rende TRIPLA una sorta di Blog Analogico, in questo caso l'intervento di Bufalini e Cecconi costituisce una sorta di bug, analogico a sua volta e autoinferto, un errore nello script, un sabotaggio della struttura dello spazio teso a stravolgerne la natura e le modalità di relazione con i fruitori.

disinstallazione, produzione Xing/Live Arts Week/Tripla
col sostegno di Leonardo Fabbri

Ù is the intervention realized by Paolo Bufalini and Filippo Cecconi at TRIPLA, an exhibition space they founded in 2016. Located in the heart of Bologna and consisting of three illuminated 24/7 windows, the contents of which can only be accessed from outside, TRIPLA is considered by its founders as an extension of their artistic practice, a device for conveying different sensibilities and an experiment with new display modes. On the occasion of Live Arts Week, the space will be used not as a container, but as a medium in a plastic sense. If the similarity between the illuminated windows and the monitors, together with the constant exchange of contents, makes TRIPLA a sort of Analog Blog, in this case the 'uninstallation' of Bufalini and Cecconi is a kind of bug, analogic and self-inflicted, an error in the script, a sabotage of the structure of the space, aimed at distorting its nature and the modalities of its relationship with the users.

uninstallation, production Xing/Live Arts Week/Tripla
supported by Leonardo Fabbri