Grazie di esserti iscritto alla newsletter di Xing. Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato. Thanks for joining the Xing newsletter. You’ll receive an email notification.

Versione

Ta-Ta-Ta-Time

 Leila Gharib, Sonia Brunelli

 
 

Ta-Ta-Ta-Time nasce come canto melodico per trasformarsi poi in balbettio grafico, ed è al contempo il titolo dell'Ep di debutto di Sequoyah Tiger, pubblicato dalla tedesca Morr Music nel 2016. La dimensione musicale di Sequoyah Tiger trova il suo motivo nell’esplorazione della tensione vocale, si muove nei margini della forma canzone scivolando attraverso loop lisergici, ballate d’ispirazione doo-wop ed elettronica synth-pop. L’immagine visiva e il disegno affiancano la composizione sonora e trovano espressione nella cura delle copertine, nella produzione di zine, video e bandiere. Il live nasce dalla collaborazione con Sonia Brunelli, un sodalizio artistico avviato nel 2008 con la fondazione del gruppo di performing arts BAROKTHEGREAT. Le due artiste creano insieme una drammaturgia sonora che regola l'andamento del live, in cui il corpo fornisce spessore, giocando con la tridimensionalità delle azioni in una specifica dinamica visiva che è anche uno studio sull'interfaccia dei luoghi, tra teatro e clubbing.

Ta-Ta-Ta-Time begins as melodic singing but slowly turns into a graphic babbling. it is also the title of Sequoyah Tiger's debut EP, published by the German label Morr Music in 2016. The musical dimension of Sequoyah Tiger is rooted in the exploration of vocal tension, moving in the margins of the song form and slipping through lysergic loops, dance-inspired doo-wop and synth-pop electronics. The visual image and drawing, alongside the sound composition, also find expression in her cover design, in zine production, videos and flags, all designed by Leila herself. The live at Raum is a collaboration with Sonia Brunelli, an artistic dialogue which started in 2008 with the foundation of the performing arts group BAROKTHEGREAT. The two artists create together a sound dramaturgy of the live performance, in which the body provides a certain ‘thickness', playing with the three-dimensionality of the actions in a specific visual dynamic. They investigate the interface of theatre, clubs and site-specific locations.