Grazie di esserti iscritto alla newsletter di Xing. Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato. Thanks for joining the Xing newsletter. You’ll receive an email notification.

Versione

Paesaggio Amico

 Flavio Favelli

 
 

Mio padre non sa che sono artista o forse , non ho mai detto nulla di preciso, forse perché c’è stata sempre un’idea che siamo entrambi artisti. Lui si è sempre sentito artista e io perché sono suo figlio. Quando mi chiede: che si dice in giro?
So che si riferisce all'arte, alla poesia, come se fossimo ancora nei primi anni 70 a Firenze, quando scriveva, andava sempre a cena fuori e poi al cinema.
Mio padre ha sempre vissuto come speciale il suo tempo, tutti i suoi momenti: quando si è artisti si vive sempre con un faro acceso addosso, un occhio di un dio dietro le spalle, lo sguardo del mondo che ti segue sempre, una platea seduta e composta sempre attenta.

Pennarello su copertina di libro
22x12 cm.
2014