Grazie di esserti iscritto alla newsletter di Xing. Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato. Thanks for joining the Xing newsletter. You’ll receive an email notification.

Versione

Damaged Particulates

 Ben Vida

 
 

Damaged Particulates è una nuova composizione per live & fixed electronics di Ben Vida, ispirata al concetto di 'Particulate Systems Construction'. Costruita a partire da una serie di brevi movimenti, Damaged Particulates adotta una morfologia che dispone nello spazio singole particelle sonore. Questi frammenti minimi sono aggregati in abbinamenti fissi a coppie, formando un ordine chi si disgrega solo quando si allineano a formare dei quartetti: è questo l'evento che introduce la componente live agita da Ben Vida grazie alla sua personalissima strumentazione elettronica. Partendo da questa struttura minimale, il risultato è una composizione densa, viscerale e ritmicamente discordante, in cui gli oggetti sonori acquistano una presenza quasi fisica e spaziale. Ispirandosi al comportamento caotico dei fenomeni atmosferici, Ben Vida dispiega uno scenario comportamentale dove le singole voci -i suoni- formano e dissolvono geometrie instabili, in un gioco di delicato equilibrio in cui la voce, come un individuo, compare o si riassorbe assieme ai suoi partners a formare una nuova identità collettiva.

Damaged Particulates is a composition by Ben Vida for fixed and live electronics. Organized into a number of short movements this new work derives its compositional strategy from the concept of 'Particulate Systems Construction'. Rather than building up multi-voiced sound events Damaged Particulates emphasizes the morphology and spatialization of single and dual voiced sonic particulates. These particulates are ordered and aggregated to create stark juxtapositions. This process is occasionally disrupted when four voices are presented in parallel, all interrelated through a shared system of control sources. Though minimal in elements this composition is at once sonically dense, grossly visceral and disjunctively rhythmic. Sound objects take on an almost physical presence within the performance space allowing spatialization to become a compositional material, and discordant sonic composites act to complicate traditional compositional logic.