Grazie di esserti iscritto alla newsletter di Xing. Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato. Thanks for joining the Xing newsletter. You’ll receive an email notification.

Versione

Live @ Live Arts Week

 Helm

 
 

concerto

Il Live di Helm segue ed è legato alla recente uscita - per la PAN - del suo terzo album Impossible Symmetry, acclamato come una delle sorprese dello sperimentalismo elettronico del 2012. Un lavoro metodico che agisce su di un caos controllato, operando parzialmente su basi ritmiche smorzate in un’ossessionata tessitura sonica; una lenta colata lavica costituita da una massa di indecifrabili fonti acusmatiche e registrazioni ambientali. L'effetto, all'ascolto, è quello di una continua sospensione, uno spaesamento rispetto alle direzioni di provenienza e la collocazione spaziale dei singoli elementi sonori. Rompendo solo recentemente una certa ritrosia ad esibirsi dal viso - essendosi concentrato principalmente nella ricerca di una personale soluzione compositiva e strumentale – Helm ha quindi maturato anche sul palco un approccio ponderato, in grado di bilanciare l'inserimento di elementi pre-registrati, riconoscibili dal suo repertorio, con aspetti improvvisativi, in un processo di remix in tempo reale dei propri materiali. Ci troviamo in ogni caso di fronte ad un raro esempio di lavorazione attenta e molto articolata di tecniche di manipolazione ed apprezzamento nei confronti di fenomenologie sonore che derivano dalla storia del noise, dal field recording, dall'acusmatica, tra tradizione acustica ed elettronica.

concert

Helm’s Live follows and is related to the recent release -for PAN- of his third album, Impossible Symmetry, acclaimed as one of the surprises of the electronic experimentalism of 2012. A methodical work acting on a controlled chaos, working partially on  muted rhythm tracks in an obsessed sonic texture; a slow lava flow consisting of a mass of indecipherable acousmatic sources and environmental recordings. The effect, in listening, is that of a continuous suspension, a disorientation in respect to the direction of provenance and the spatial placement of the individual sound elements. Only recently breaking a certain reluctance to perform live, having concentrated primarily on finding a personal solution for composition and arrangement, he went on to mature a thoughtful approach on stage as well, able to balance the inclusion of recognizable, pre-recorded elements from his repertoire, with improvisational aspects, in a process of real-time remix of his materials. We are, in any case, before another rare example of careful and highly articulated manipulation  techniques and appreciation of sound phenomena arising from the history of noise music, of field recordings, of acousmatics, in-between traditional acoustic and electronic music.