Grazie di esserti iscritto alla newsletter di Xing. Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato. Thanks for joining the Xing newsletter. You’ll receive an email notification.

Versione

1Per1

 Muna Mussie

 
 

Due spazi speculari, divisi da una parete. Uno degli spazi è abitato da una figura, tre microfoni, un divano, alcuni oggetti ed una telecamera che riproietta il tutto nello spazio attiguo. Quest'ultimo è a sua volta abitato dalla proiezione, da un pubblico, da un microfono e da una seconda figura, in una simulazione di dialogo che indaga il vissuto quotidiano del soggetto in causa. Il pubblico è messo nella condizione di vivere consapevolmente e simultaneamente due spazi e due tempi. In 1Per1 lo spazio dell'azione, della visione e dell'esperienza collidono in una mise en abîme, unicamente svelata dal backstage a scena aperta. Anche la quotidianità riportata -scansione del banale accadere di fatti comuni- appare straniata nella non corrispondenza di domande e risposte, nel cortocircuito di dichiarazioni e azioni a più sensi e tempi. Ciò che si insegue è la creazione di un possibile clima, mediante la qualità fotografica di un'immagine. Uno spazio visivo che si fa spazio scenico e che accoglie una partitura di azioni in continua sospensione tra un dentro e un fuori. I protagonisti con nomi e cognomi di 1PER1 rappresentandosi rappresentano un 'qualunque', figura del contemporaneo delineata da Agamben.

"L’essere che viene: né individuale né universale, ma qualunque. Singolare, ma senza identità, definito, ma solo nello spazio vuoto dell’esempio. E, tuttavia, non generico né indifferente: al contrario, tale che comunque importa, oggetto proprio dell’amore." (G.Agamben)

di Muna Mussie con la collaborazione di Luca Mattei
in scena Muna Mussie e Michele Bruzzi
direzione video Luca Mattei
fotografia Leonardo Monti
sostegno produttivo Xing/Raum