Grazie di esserti iscritto alla newsletter di Xing. Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato. Thanks for joining the Xing newsletter. You’ll receive an email notification.

Versione

Aatt enen tionon

 Boris Charmatz

 
 

Aatt enen tionon (1996) ha segnato un giro di boa per la nuova danza e performance in Europa. Non io lo ripropone come modello di una storia recentissima.
Dalle 'note di intenzioni' del coreografo Boris Charmatz: Responsabile, radicale, impegnato. Aatt enen tionon è una blocco coreografico monolitico.Tre esseri pieni di vita, ma isolati e solitari, danzano come mai fino ad oggi, in un rigido disordine. Insieme e separati. L'azione ha uno sviluppo verticale. La scena è importante non tanto per il suo senso spettacolare ma perchè isola i protagonisti; l'approccio coreografico risiede nell'interplay delle solitudini e delle tensioni paradossali. Non c'è alcun contatto fisico, nessuno scambio di sguardi, nessun unisono, nessuna scenografia e non molto spazio per respirare; i nostri organi guidano a volte le variazioni più minime, con semplicità e vigore.

coreografia verticale per 3 danzatori
danza Julia Cima, Vincent Druguet, Boris Charmatz
corografia Boris Charmatz
produzione Edna
coproduzione La Halle aux Grains/Scène Nationale de Blois, La Ferme du Buisson/Scène Nationale de Marne-la-Vallée, La Bâtie/Festival of Geneva, Les Hivernales/Avignon