Grazie di esserti iscritto alla newsletter di Xing. Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato. Thanks for joining the Xing newsletter. You’ll receive an email notification.

Versione

My Movements are alone like Streetdogs

 Jan Fabre

 
 

Creato da Jan Fabre nel luglio del 2000 per il Festival di Avignone, My Movements are alone like Streetdogs è dedicato alla danzatrice islandese Erna Omarsdottir, performer eccezionale che sulla scena è capace di continue metamorfosi. Dal primo secondo Erna  - donna/cane randagio - appare in scena con in mano un gelato, lancia improperi contro chissà quali abusi, sputa: il corpo si schianta al suolo, ondeggia, la testa si torce sino all'estremo e tira su una lunga pista di yogurt sotto le lacrime di un cane che pende dal soffitto…
La danza è un'esplosione di contorsioni,  un misto di tormento e piacere, un terremoto. Un solo di una vitalità non comune, un insulto che ti sbatte in faccia.

coreografia e scene Jan Fabre
danza Erna Omarsdottir
luci Sven Van Kuijk
musiche Frank Pay
Le Chien - testi e musiche di Léo Ferré (1969)
Debaser - testi e musiche diThe Pixies (1989)
video Emanuel Maes
produzione Troubleyn (Anversa) e SACD (Parigi)
My Movements are alone like Streetdogs è stato commissionato da Karine Saporta per “Le Vif du Sujet” / Festival d’Avignon 2000