Grazie di esserti iscritto alla newsletter di Xing. Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato. Thanks for joining the Xing newsletter. You’ll receive an email notification.

Versione

2 volte a te

 Teatrino Clandestino

 
 

L’idea guida nella realizzazione del lungometraggio 2 volte a te è stata quella di lavorare sul rapporto che intercorre tra l’atto teatrale e i sistemi di fissaggio di quest’ultimo intesi come pellicola e video. L’attività e la sperimentazione del Teatrino Clandestino attorno al rapporto che intercorre tra video e teatro ha trovato un ampio sviluppo all’interno delle ultime produzioni. Nonostante in Italia gli artisti vengano nella più parte dei casi confinati all’interno della loro disciplina é nostra opinione che questo stato delle cose sia mortifero. E' importante per noi tentare questo sconfinamento: prodursi in un ambito artistico che non è il proprio di origine, ma col quale sentiamo molta affinità." (Teatrino Clandestino)

Lucio, un uomo di 35 anni, viene lasciato dalla compagna, Anna, la quale pur amandolo ancora sente che le abitudini prese dalla coppia la soffocano.L'uomo, anche se ancora innamorato della donna la lascia andare, ma per lui comincia una ricerca per comprendere come poterla riavere.Un giorno si reca dalla madre di lei nella speranza di trovare un'alleata per convincerla a ritornare, la madre gli dice di non essere affatto stupita della decisione della figlia e gli rivela che dall'incidente accorso alla sorella, Anna era solita fuggire dalle situazioni affettive stabili - lui è incuriosito da questa sorella, di cui sente parlare per la prima volta...

Con Fiorenza Menni, Enrico Casagrande, Rita Falcone
Direttore della fotografia Gigi Martinucci
Montaggio  Francesco Borghesi
Scritto e diretto da Pietro Babina
Muische originali Stefano Zorzanello
Produzione Teatrino Clandestino
in collaborazione con Bologna 2000