Grazie di esserti iscritto alla newsletter di Xing. Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato. Thanks for joining the Xing newsletter. You’ll receive an email notification.

Versione

Speak, Memory, Speak

 Zapruder filmmakersgroup, Fanny & Alexander

 
 

Ogni paesaggio necessita di un medium per realizzarsi. Ma se, nella spirale in cui si svolge ogni atto creativo, quando un’opera futura è vicina alla nascita, lo spazio si incrina in qualcosa di più simile al tempo, e, a sua volta, il tempo si aggroviglia a certe evanescenti figure, quasi di spettro, allora, sicuramente, resterà solo una Dimensione, un altro Paesaggio speciale, finché la spirale ritornerà ancora circolo, giostra viziosa, anello trasparente.
Speak, Memory, Speak è il primo passo che Fanny & Alexander affonda nel paesaggio letterario nabokoviano, una ricognizione che ha a che fare con le apparizioni e col loro strano spietato linguaggio, con un sovrumano desiderio di realtà

Il giovane cronofobico You Person, ripercorre il vuoto sterminato del suo tempo prenatale (egli stesso è un personaggio di una fiction ancora a venire), e quello ancora più minaccioso che si spalanca al di là della sua congetturale e ipotetica esistenza futura. Egli tenta disperatamente di aggrapparsi a quell’esiguo brandello di realtà che la contingente natura live di questo video gli consente. Da lui ci si aspetta che accetti i due neri vuoti, così come egli fa con l’illusoria e fugacissima visione che balena e sfarfalla tra loro. “Ma ogni Immaginazione, suprema delizia dell’immortale e dell’immaturo, dovrebbe essere sempre, a suo modo, limitata”. (V. N.)
Hai capito? Ehi, tu! Persona! Hai capito? Dovresti proprio andarci piano!...

scritto da Chiara Lagani
regia Luigi de Angelis
video Zapruder
musiche Vincent Gallo
suoni e remixaggio Luigi de Angelis
con Marco Cavalcoli