Grazie di esserti iscritto alla newsletter di Xing. Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato. Thanks for joining the Xing newsletter. You’ll receive an email notification.

Versione

Villa Venus (il giardino delle delizie)

 Fanny & Alexander, Zapruder filmmakersgroup

 
 

Villa Venus (il giardino delle delizie), tappa del progetto Ada, cronaca familiare, è un'installazione visiva con un intervento musicale dal vivo, quello evocativo e intensamente allusivo dell’ondes Martenot.
Il tema della gelosia e del tradimento, come ossessiva e impossibile ricomposizione dell’immagine amata, è sviluppato da una posizione privilegiata di limite estremo: la vecchiezza, la beata decrepitudine dei due protagonisti. La ricerca dell’immagine decrepita,  condotta con mezzi digitali,  assume i tratti della mistificazione nella sua resa iconica, e al contempo iperrealistica, dei due volti degli amanti. La vecchiezza emblematica è il presupposto e il contraltare delle immagini del bordello, anch’esse immagini-trucco, in cui, a partire dall’uso mimetico di alcuni filmini pornografici degli anni ’70, lo spettatore potrà iniziare il suo cammino da detective, in cui le tracce sono solo le sembianze, e il finale estremo condurrà proprio e ancora al principio della storia.

da Ada, cronaca familiare
installazione per video e ondes Martenot
regia Luigi de Angelis, drammaturgia Chiara Lagani, con Chiara Lagani (nel ruolo di Ada e delle prostitute Adora, Ardesia, Ardelia, Adada, Adiana) Luigi de Angelis (nel ruolo di Van), voci Marco Cavalcoli (Van), Chiara Lagani (Ada), ondes Martenot Bruno Perrault, musiche Jaques Charpentier - Suite karnatique, fotografia Monaldo Moretti e David Zamagni, riprese e montaggio David Zamagni e Nadia Ranocchi, effetti visuali p-bart.com, realizzazione scenotecnica Marco e Marcello Molduzzi.

Villa Venus, the garden of earthly delights, a part of the Ada, a
family chronicle project, is a visual installation with a live musical
performance, using the evocative and deeply allusive sound of the ondes
Martenot.

In this work the themes of jealousy and betrayal, as an obsessive and impossible
re-assemblage of the lover’s image, have been developed in an extreme context, i.e. old age and the blissful, physical decline of the two
main characters. The study for the ageing of their likenesses, using digital
technology, takes on deceptive aspects in its iconic and at the same time
hyper-realistic, rendering of the lovers’ faces. Their symbolic old age is
both the premise and the counterpart of the images of the brothel. They too, are doctored images, in which the spectator can begin following a trail of clues, starting from the use of pornographic home movies from the 70’s as camouflage. These are only appearances and at the very end of their trail, only lead back once more to the beginning of the story.

From Ada, a family chronicle. An installation for video and ondes Martenot

 Directed by Luigi de Angelis and written by Chiara Lagani, with Chiara Lagani (in
the roles of Ada and the prostitutes Adora, Ardesia, Ardelia, Adada,
Adiana), Luigi de Angelis (in the role of Van); voices, Marco Cavalcoli
(Van) and Chiara Lagani (Ada); ondes Martenot, Bruno Perrault; music: suite karnatique by Jacques Charpentier; photography by Monaldo Moretti and David
Zamagni, filming and editing by David Zamagni and Nadia Ranocchi, visual
effects by p-bart.com and staging by Marco and Marcello Molduzzi in collaboration
with Xing