Grazie di esserti iscritto alla newsletter di Xing. Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato. Thanks for joining the Xing newsletter. You’ll receive an email notification.

Versione

Harry Smith Anthology

 Harry Smith

 
 

Antologica di film di Smith cult film-maker per intere generazioni di cineasti prima, degli ambienti underground newyorkesi e dei selezionatori musicali di tutto il mondo poi. Reinventando la pittura diretta su pellicola, Smith ha dato forma a un intero universo magico animato e animista.in apparato fatto di dottrine spirituali, religioni orientali, cabala, tarocchi, teosofia, alchimia e magia nera.

Early abstractions (23’, 1939-1956, n. 1, 2, 3, 4, 5, 7, 10, 16 mm)
Heaven and Earth Magic (66’, 1950-1961, n. 12, video)
Late Superimpositions (29’, 1964, n.14, video)

Early abstractions (23’, 1939-1956, n. 1, 2, 3, 4, 5, 7, 10), Heaven and Earth Magic (66’, 1950-1961, n. 12) e Late Superimpositions (29’, 1964, n.14) selezione antologica dell’opera di Smith presentata a Netmage, sono i film che lo hanno elevato a cult filmmaker per intere generazioni di cineasti. Sotto la spinta di Oskar Fischinger e James Whitney, senza possedere alcuna tecnica materiali e “reinventando” a modo suo dunque la pittura diretta su pellicola, Smith ha dato forma ad un intero universo magico animato ed animista. Ha saputo rinnovare senza sosta il proprio lavoro reinventando tematicamente e visivamente la propria ricerca, divenendo soprattutto per questo, in tempi recenti, un referente ideale, quasi novello genio leonardesco, per gli ambienti underground newyorkesi, che non smettono di rendere omaggio al suo eclettismo con progetti di musica elettronica e spettacoli teatrali. Ad esempio Color study, film n. 7 di Early abstractions, film apogeo della ricercaastrattadi Smith, proviene in effetti dalla registrazione di una performance al Guggenheim con dodici proiettori in un immaginario ambiente kandinskiano espanso. Il film n. 10 appartiene viceversa ad un ciclo successivo, più caratteristico, con figurine riprese da vecchie litografie e animazioni complesse che fanno emergere il complesso apparato iconologico sotteso al percorso di Smith fatto di dottrine spirituali, religioni orientali, cabala, tarocchi, teosofia, alchimia e magia nera. Il noto Heaven and Earth Magic film culto, è invece un lungometraggio che racconta il viaggio di un’eroina in paradiso e all’inferno, epopea e universo fantastico popolato dei più misteriosi rimandi ai simboli ermetici.