Grazie di esserti iscritto alla newsletter di Xing. Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato. Thanks for joining the Xing newsletter. You’ll receive an email notification.

Versione

End Good Everything Good

 Margareth Kammerer , Jay Scheib

 
 

"Si innamorò di un ragazzo che non la sopporta e la fa sentire una merda. Questo la Fa Stare Molto Male. Il suo cuore è spezzato spezzato spezzato e la testa le fa male e le cola un sacco di sangue dal naso e perfino la scultura di ghiaccio si scioglie sotto il suo sguardo gelido gelido. Oh povera lei, vedere le cose che vede, provare i sentimenti che prova, oh povera lei.."

Tranne che Tutto qui è esattamente come sembra
Fiction +/-
Reality.

End Good Everything Good, solo coreografico per performer con chitarra, è il nucleo ridotto all'osso della commedia di Shakesperare Tutto è bene quel che finisce bene. Uno studio minimale sull'amore non ricambiato travestito da irragionevole vendetta. E' la storia di una ragazza che vuole averla vinta così malamente da riuscire a malapena a stare in piedi, a malapena a star seduta, a malapena a ballare, a malapena a pensare, a malapena a cantare. Non riesce a far nulla, e allora si sdraia. Sbatte al muro il profumo e aspetta che il suo amato si faccia catturare dalle emozioni. Si mette in un angolo e si fa una foto. Aspetta, aspetta, e lui non arriva. Non arriverà mai. Questo è il ben noto problema di Shakespeare che si insinua nei nostri ben noti problemi. Uno studio minimale sulle abitudini della vita quotidiana nel calore accecante della guerra alla guerra al terrore.