Grazie di esserti iscritto alla newsletter di Xing. Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato. Thanks for joining the Xing newsletter. You’ll receive an email notification.

Versione

Cries of Geese

 Marc Bauer

 
 

Cries of Geese, video di Marc Bauer.

Immagino una sala da pranzo preparata per una festa. Immagino il mio sguardo che vaga in questa stanza. Vedo tutti i bicchieri sul tavolo che formano un triangolo perfetto, la tovaglia bianca sul tavolo, tutte le bottiglie di vino bianco e rosso, il secchiello d'argento con lo champagne, i vasi coi fiori, orchidee bianchi sui tavoli e pesanti candelieri d'argento. E una musica un po' jazz, seducente. Immagino i piatti con le tartine e il mio sguardo gira attorno ai bicchieri, ai fiori, alle bottiglie, con un movimento lento e delicato. La stanza è vuota. Ora inizio ad immaginare facilmente che tipo di persone potrebbero stare alla festa, ben vestite, eccessivamente cortesi e educate. Il mio sguardo naviga ancora nella stanza, non è cambiato nulla, ma certi oggetti iniziano ad esplodere, da sè, spontaneamente. (Sì.) E' iniziato coi bicchieri e poi con alcuni piatti. Il mio sguardo naviga ancora, indifferente. Tutto sembra esplodere lentamente, con dolcezza, il movimento delle esplosioni è totalmente ipnotico. L'intera sala diventa un disastro.

C'è questa sala, e c'è una festa.
C'è una sala da pranzo in cui è tutto pronto per una festa. Ci sono i bicchieri che formano piramidi perfette, i piatti d'argento con le tartine, le bottiglie pronte per essere aperte e servite, molti fiori sui tavoli, alcune orchidee bianche in vasi di porcellana bianca, una tovaglia bianca.

Ci sono anch'io che racconto una storia.
Una storia di un omicidio di massa. Come e perchè tutti morirono a questa festa. Sarò su un letto, forse questo o forse un altro, raccontando solamente questa storia. L'immagine sarà simile a questa, ma con più dettagli. Come ora, io seduto su un letto che racconto una storia.
(