Grazie di esserti iscritto alla newsletter di Xing. Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato. Thanks for joining the Xing newsletter. You’ll receive an email notification.

Versione

Shichimi Togarashi

 Amalia Fernández, Juan Domínguez

 
 

Shichimi Togarashi è la performance nata dalla collaborazione tra Juan Domínguez e Amalia Fernández: una miscela di universi fantastici, come il mix di 7 spezie giapponesi da cui deriva il nome, per un'epopea in cui corpo e linguaggio interagiscono felicemente.
Nato da diverse volontà individuali che interagiscono in scena nel corso della rappresentazione, Shichimi Togarashi mostra allo spettatore la costruzione dell'opera; rivelando come ciascuno dei due autori si relazioni con le proprie fantasie; attivando una frenetica e surreale trama mentale nell'osservatore costituita da balzi temporali tra scene bucoliche, fantasie erotiche e personaggi invisibili..

Il lavoro di Juan Domínguez, facendo riferimento alla danza e alla performance, si nutre di un’acuta capacità di riciclare fatti, gestualità e comportamenti quotidiani. Preciso e stravagante, prende in considerazione tutte le situazioni possibili, tutte le idee che possano fornire materia per ‘danzare’. Parallelamente alla messa in questione del teatro come medium e dei parametri spazio-temporali nella coreografia - fondamenti di un certo filone di danza concettuale - il lavoro di Juan Domínguez è pervaso da uno humor speciale. Esplorando la relazione tra diversi codici, il suo lavoro scenico propone la dissoluzione tra finzione e realtà e lascia spazio all’incoerenza. Smonta le gerarchie precostituite alla ricerca di altri possibili. Anche Amalia Fernández usa la sua fisicità di performer per esplorare la matematica dello spazio/tempo e la dimensione estetica, musicale e teatrale prodotta a partire da questi concetti.

Avvicinarsi significa abbandonare le convenzioni, la fama, la ragione, le gerarchie e il proprio io. Significa anche lasciarsi andare all’incoerenza, inclusa la follia.
(John Berger)

ideazione, regia e interpretazione Juan Domínguez e Amalia Fernández
traduzioni Lucho López, Ana Buitrago
graphic design Andrés Martínez