Grazie di esserti iscritto alla newsletter di Xing. Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato. Thanks for joining the Xing newsletter. You’ll receive an email notification.

Versione

BOGA pezzi elementari per l’incendio del Tempio

 Enrico Malatesta

 
 

ESEGUIRE

FIGURA PIROTECNICA STATICA di 1 ruota a 2 cadenze di cascanti luminose
FIGURA PIROTECNICA STATICA di 1 ruota con 7 fiamme colorate
FIGURA PIROTECNICA STATICA di 1 ruota a raggi prolungati con 7 luminose fiamme colorate.

Movimento 4
RUOTA: 1 cerchio + 3 fontane luminose in sincrono + 3 volte cerchio + 7 fiamme oscure + 3 volte cerchio + 7 fiamme colorate brillanti + 3 volte cerchio + 9 fiori infuocati.

Cascata di effetto grandioso a seguire fantastica cascata di effetti abbaglianti in scala cromatica ascendente.

Saluto Marziale.


BOGA pezzi elementari per l’incendio del Tempio è una performance basata sulla rivisitazione di una serie di dispositivi pirici e celebrazioni tradizionali che trovano il proprio fulcro nel bambù e nel Meriam Buluh. In larga misura sconosciuto al pubblico occidentale, il cannone di bambù è un generatore di rumore utilizzato in diverse feste popolari e religiose nelle zone rurali di Malesia, Indonesia, Filippine, poi diffuso, negli anni ’90 come giocattolo hand-made illegale. BOGA parte da una versione modificata e preparata di questo strumento e da altre pirotecnie e fonti sonore effimere, generando azione, suono e luce in relazione alla presenza e al movimento dei due interpreti coinvolti, il percussionista Enrico Malatesta e la dance-maker Cristina Kristal Rizzo. Un rituale suburbano, sottile e incandescente, che ritorna alle sue origini in uno spazio aperto, e che utilizza le sfumature e le ombre naturali di luce e oscurità.


BOGA pezzi elementari per l’incendio del Tempio

concept Enrico Malatesta e Cristina Kristal Rizzo
suono Enrico Malatesta
danza Cristina Kristal Rizzo
costumi Canedicoda
cura Silvia Albanese
produzione TIR Danza
co-produzione Santarcangelo Festival
con il sostegno di IntercettAzioni - Centro di Residenza Artistica della Lombardia (un progetto di Circuito CLAPS, Teatro delle Moire, Industria Scenica, Milano Musica, Zona K)

***

PERFORM

STATIC PYROTECHNICAL FIGURE of 1 wheel with 2 cadences of luminous cascades
STATIC PYROTECHNICAL FIGURE of 1 wheel with 7 colored flames
STATIC PYROTECHNICAL FIGURE of 1 wheel with extended spokes with 7 bright colored flames.

Movement 4
ROTATE: 1 circle + 3 synchronous light fountains + 3 times circle + 7 dark flames + 3 times circle + 7 bright colored flames + 3 times circle + 9 fire flowers.

A Cascade of grandiose effect followed by a fantastic cascade of dazzling effects in an ascending chromatic scale.

Military salute.


BOGA elementary pieces for the temple’s fire is a performance based on the revisitation of a series of pyrics and celebrative traditional devices made of bamboo material, in particular the Meriam Buluh: largely unknown to the western audience, the famous Bamboo Canon is an explosive instrument and noise generator used in several folk and religious festivities then popularized in the ‘90s and very much widespread  as a handmade illegal toy in the rural zones of Malesia, Indonesia and Philippine. The performance presents a modified and prepared version of this instrument and a paraphernalia of ephemeral pyrotechnic sonic devices so to generate action, sound and light in relation to the presence and the movement of the two performers involved, the percussionist Enrico Malatesta and the dance maker Cristina Kristal Rizzo. BOGA at Live Arts Week X is a sub-urban ritual action in an open space, which uses for the art of fire-works the nuances and shadows of natural light and darkness. Subtle and incandescent.


BOGA pezzi elementari per l’incendio del Tempio

choreography and dance Cristina Kristal Rizzo
sound and light Enrico Malatesta
costumes Canedicoda
creative producer Silvia Albanese
production TIR Danza
coproduction Santarcangelo Festival
with the support of IntercettAzioni – Centro di Residenza Artistica della Lombardia (a project by Circuito CLAPS and Teatro delle Moire, Industria Scenica, Milano Musica, Zona K)