Grazie di esserti iscritto alla newsletter di Xing. Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato. Thanks for joining the Xing newsletter. You’ll receive an email notification.

Versione

Archivi Privati

 
 

Udire, come vedere è immaginare; si tratta di un atto dello spirito. In effetti l'incontro con la musica passa attraverso due livelli di percezione: l'acustico e il musicale. Il suono, in quanto evento fisico, è udibile, mentre non lo è il campo di energia musicale che esso possiede in potenza. Soltanto quando si crea una rete di relazione fra i suoni, la musica diventa realtà, qui e ora. Le relazioni e l'energia musicale non sono udibili, perchè esse si manifestano attraverso elementi che non hanno alcunché di tonale, di sonoro, di acustico: il tempo, lo spazio, il movimento, le forme, le qualità musicali di un' opera. Come si può vedere, niente di tutto ciò appartiene al campo sonoro, e tuttavia questi elementi determinano la possibilità stessa per la musica di esistere e di essere recepita dall'ascoltatore. Per ascoltarla, per cogliere il senso sospeso tra i suoni, la coscienza musicale stabilisce dei legami, anticipando, completando, riempiendo gli spazi aperti dell'inudibile. Questa è la ragione per cui l'ascolto della musica supera il solo livello acustico e fa appello all'immaginazione e alla coscienza dell'ascoltatore; senza tale coinvolgimento la musica non è altro che un ornamento sonoro.                  

Dujka Smoje - L'udibile e l'inudibile