Grazie di esserti iscritto alla newsletter di Xing. Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato. Thanks for joining the Xing newsletter. You’ll receive an email notification.

Versione

Curva

una performance di Muna Mussie

27/2/2019 - 27/2/2019
Raum Bologna

Mercoledi 27 febbraio 2019 Xing presenta a Raum Curva, una nuova performance di Muna Mussie, esito di una residenza di ricerca e creazione sul 'pestaggio del suono' (produzione Xing), ed espone Punteggiatura, un libro di stoffa collettivo dalle pagine ricamate, un 'tessuto sociale' costruito in dialogo con un nucleo di donne a Bologna di differenti provenienze.

Dopo diversi lavori con una macchina da cucire digitale, basati sulla trascrizione in forma di ricamo di parole e segni da indossare, per questa nuovo percorso creativo in solo, Curva, Muna Mussie presenta l'anima meccanica del suo strumento creativo unicamente sotto forma di suono: una colonna sonora che scandisce azioni e movimenti in un ambiente sincretico. Questa volta Muna Mussie si espone come corpo pensante e pensato, in stasi e in moto, in passaggi di stato: un percorso circolare attorno a 'un fuoco' in cui riti nuovi e antichi si sovrappongono.

"Posseggo una macchina da cucire con la quale posso ricamare parole su tessuto; prima penso a cosa scrivere, poi scelgo il tessuto e infine ne delimito la spaziatura. Avvio la macchina: il suo movimento meccanico e alienante è sin da subito ipnotico.. punto dopo punto le linee si disegnano/designano, le lettere emergono e con esse il loro significato. Ho voluto estrarre da questo processo il sonoro prodotto dalla ricamatrice e farne la partitura musicale per un corpo in movimento. Il corpo diventa ricamatrice: esegue senza conoscerne il fine; come vivesse in un oblio perenne, parla da un altrove che si manifesta qua."   (M.M.)

***

Wednesday 27 February at 8pm Xing presents at Raum Curva, a new performance by Muna Mussie, which is the result of a residence for researching the ’trampling of sound' (Xing production) and exhibits the collectively embroidered book Punteggiatora.
 
Curva: "I have a sewing machine with which I can embroider words on fabric; first I think about what to write, then I choose the fabric and in the end I define the spacing. I start the machine: its mechanical and alienating movement is immediately hypnotic. Point by point the lines are drawn, they design/designate, the letters emerge and with them their meaning. I want to extract from this process the sound produced by the embroiderer and make it the musical score for a moving body. The body becomes the embroiderer. It executes movement without knowing its purpose; as if it was living in a perennial oblivion, from an elsewhere that manifests itself here.” (M.M.)