Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato.

Nome
Cognome
E-Mail
Versione
 

Silvia Costa

 
 

Silvia Costa, artista, regista e performer italiana. Diplomata in Arti Visive e dello Spettacolo all'università IUAV di Venezia nel 2006, propone un teatro visivo e poetico che si nutre di una ricerca profonda sull'immagine, come motore di riflessione e di scuotimento dello spettatore. Di volta in volta autrice, regista, interprete o scenografa, quest'artista proteiforme utilizza senza discriminazioni ogni campo artistico per condurre la propria personale esplorazione del Teatro. Nomade della forma, ha realizzato  performance (La quiescenza del seme, A sangue freddo, Alla Traccia, Midnight Snack), spettacoli teatrali (Figure, Stato di Grazia, Quello che di più grande l’uomo ha realizzato sulla terra, Poil de Carotte), installazioni e video (Musica da Camera, Tabula, Emotional Intelligence, Descrizione di un quadro). Dal 2012 ha creato numerosi spettacoli e installazioni per bambini. Nel 2019 Silvia Costa ha debuttato a Parigi al Festival d’Automne con la creazione Nel Paese dell'inverno, ispirata a Dialoghi con Leucò di Cesare Pavese, ed ha diretto e disegnato le scene per Wry Smile Dry Sob, installazione coreografica e musicale ispirata a Spiel di Samuel Beckett al Landestheater Vorarlberg di Bregenz. I suoi progetti recenti si sono allargati al mondo musicale e operistico, con la collaborazione con l'Ensemble Intercontemporain per la mise en espace di Hièrophanie di Claude Vivier, e la regia dell’opera di Vivaldi Juditha Triumphans che debutterà nel 2020 alla Staatsoper di Stuttgart. Nel triennio 2017-19 è stata artista associata del Teatro dell'Arte/Triennale Milano, e nel 2019 del CND Le Quai d'Angers. Dal 2020 è parte del gruppo artistico della Comédie de Valence. Dal 2006 è collaboratrice artistica e interprete nelle produzioni teatrali e operistiche del regista Romeo Castellucci. Il suo lavoro è stato presentato nei più importanti festival italiani e internazionali.

www.silvia-costa.com 

Silvia Costa is an italian director and performer from Treviso. Since graduating in Visual Art and Theatre at the Venice's IUAV University in 2006, she has proposed a visual and poetic theatre nourished by a deep reflection on images. Alternating roles as writer, director, interpreter and set designer, this protean artist crosses different aesthetic fields in a personal exploration of Theatre. She has created several performances (La quiescenza del seme, A sangue freddo, Alla Traccia, Midnight Snack), theatre works (Figure, Stato di Grazia, Quello che di più grande l’uomo ha realizzato sulla terra, Poil de Carotte), installations and video works (Musica da Camera, Tabula, Emotional Intelligence, Descrizione di un quadro). Since 2012 she has created performances and installations for kids. In 2019 Silvia Costa premiered in Paris at the Festival d'Automne her own creation Nel Paese dell'Inverno, inspired by Dialogues with Leucò by Cesare Pavese, and directed and designed the scenes for Wry Smile Dry Sob, choreographic and musical installation inspired by Spiel by Samuel Beckett at the Landestheater Vorarlberg in Bregenz. Her recent projects have expanded to the musical and operatic world, with the collaboration with the Ensemble Intercontemporain for the mise en espace of Claude Vivier's Hièrophanie, and the direction of Vivaldi's opera Juditha Triumphans which will premiere in 2020 at the Staatsoper of Stuttgart. In 2017-19 she was associated artist of the Teatro dell'Arte/Triennale Milano, and in 2019 of Le Quai d'Angers CND. From 2020 she is part of the artistic group of the Comédie de Valence. Since 2006 she is artistic collaborator and performer in the theatrical and operatic productions of the director Romeo Castellucci. Her creations are regularly presented in major Italian and international festivals.