Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato.

Nome
Cognome
E-Mail
Versione
 

Fontana di Fuoco

 Doro Bengala

 
 

Fontana di Fuoco reinterpreta lo spettacolo pirotecnico usando le esplosioni come se fossero suoni e i suoni come se fossero esplosioni di colori. Un'arte della stimolazione sensoriale attraverso l'uso di fiamme colorate, di suoni acuti e basse frequenze, che si ispira a una pratica bengalese fondata dalla signora Subhash Chandra Doro nel lontano 1895. "Nascosti dietro lo sfibrarsi del demone fiammeggiante, il loro mondo era quello di arrampicarsi sugli alberi per appiccare scintille e spaventare il passante. Le fronde arboree venivano decorate meticolosamente con delle strisce d’argento che, mosse dal vento, si alzavano a sottolineare i richiami delle ance tagliate nel bambù. Scossi per vincere la vertigine dello spazio, Doro Bengala si riunì attorno a Bob, l’unico e indimenticabile, Bob Caselli, che diede loro la nuova polvere. Quella che tutt’oggi conservano in minuscole scatoline intarsiate con i loro nomi." Le loro sempre più rare apparizioni li ha fatti divenire più che un gruppo pirotecnico o performativo, dei discendenti del mondo incandescente, gli spiritelli del vulcano spento, ciò che resta del magma e del fuoco.

Fontana di Fuoco reinterprets the pyrotechnic show using explosions as sounds and sounds as explosions of colors: an art of sense stimulation through the use of colored flames, of schrieks and low frequencies, inspired by a practice from Bengal founded by Mrs. Subhash Chandra Doro in the late 1895. "Hidden behind the fading flaming demon, their world was to climb trees to sparks and frighten the passerby. The tree fronds were meticulously decorated with silver strips that, moved from the wind, rose to emphasize the calls of the reeds cut in the bamboo, shaken to overcome the vertigo of space. Doro Bengala gathered around Bob, the only and unforgettable, Bob Caselli, who gave them the new dust. Today they keep in tiny boxes inlaid with their names." Their rare apparitions made them become more than a pyrotechnic or performative group. Rather, they were the descendants of the incandescent world, the spirits of the extinct volcano, what remains of magma and fire.