Grazie di esserti iscritto alla newsletter di Xing. Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato. Thanks for joining the Xing newsletter. You’ll receive an email notification.

Versione

The Infinite Pleasures of the Great Unknown

 Bock & Vincenzi

 
 

Coreografia perpetua di caos, possibilità e profezie, The Infinite Pleasures of the Great Unknown è la nuova creazione dei londinesi Bock & Vincenzi. Ispirato al Dr Mabuse di Fritz Lang, con il pretesto di una narrazione culto, lo spettacolo esplora la relazione tra il linguaggio del movimento e l'enigma dell'immagine, immersi nei soundscapes di Luke Stoneham. The Infinite Pleasures è un lungo loop inconcluso, sonico e gestuale. Non a caso, il contesto operativo in cui è idealmente inserito si chiama Operation Infinity. Da subito si designa un paesaggio scenico senza confini precisi, luogo del pericolo e del controllo, o dell'assedio a distanza. Qui una fittizia compagnia teatrale inventa forme d’intrattenimento del terrore, celebrando la 'morte della realtà'. Mabuse, genio criminale dedito a travestitismo e ipnosi, nemico assoluto dell’ordine costituito, tenta di mettere in piedi uno spettacolo, annunciato di continuo da un lampeggiante: Now Showing. E mentre su un monitor, precluso alla sguardo dello spettatore, si svolgono le vicende del film Il testamento del Dottor Mabuse, il clima e il ritmo serrato delle immagini filmiche si traducono in una partitura fisica dalla consistenza immateriale e nervosa dei performer, soggetti a inspiegabili emergenze. Tempeste di segni. Lo spazio viene saturato da tutti i suoi stessi disturbi.

Un progetto Artsadmin commissionato da Theater der Welt e Tramway, sviluppato col supporto di Inteatro, Polverigi, sovvenzionato da Arts Council England, col sostegno di British Council London

The new creation of Bock & Vincenzi The Infinite Pleasures of the Great Unknown presents a theatrical celebration of the death of reality. Featuring an eclectic cast of shadowy characters and a soundscape created by composer Luke Stoneham, The Infinite Pleasures weaves a melange of performance, dance, film and sound. The fictional theatre company Troupe Mabuse, are caught in the act of a continuous re-telling an elaborate and never-ending choreography of chaos, possibility and prophecy. A stage show presented within the form of a film. It draws on two fictional worlds; Fritz Lang’s filmic creation of the diabolical Dr. Mabuse - who’s only desire is to destroy civilisation as we know it and Shakespeare’s tragic character of loss, King Lear. The company of performers present a cast of thousands in a never-ending state of emergency. A storm in which the fear of the unknown is knowingly used as a controlling force. Within a language of chaos and abject dark humour Troupe Mabuse present a mesmeric show of terror for our time. Operation Infinity begins...

an Artsadmin project commissioned by Theater der Welt and Tramway, developed with support from Inteatro, Polverigi, funded by Arts Council England, supported by the British Council London

www.operationinfinity.org