Grazie di esserti iscritto alla newsletter di Xing. Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato. Thanks for joining the Xing newsletter. You’ll receive an email notification.

Versione

Map Me

 Charlotte Vanden Eynde

 
 

Map Me è un’indagine sull’identità di genere messa in scena con il linguaggio della performance. Uno spettacolo tattile giocato sui registri del tocco e della vista, strumenti concettuali che descrivono il luogo in cui corpi e identità entrano in contatto amalgamandosi.
I performers Charlotte Vanden Eynde e Kurt Vandendriessche intrecciano una serie di “azioni” e “non-azioni” sia fisiche che visive, indossando letteralmente i propri corpie trasformandoli in schermi su cui animare le immagini in proiezione. Nel buio della scena nascono così delle “figure possibili” in cui si fondono la qualità materica del corpo e quella immateriale dell’immagine video: il corpo diventa un oggetto  col quale si può fare qualunque cosa, procurando meraviglie all’infinito.
In Map Me il corpo è un contenitore che riesce a convertire tutte le forze estranee. La pelle, l’involucro che avvolge la massa corporea, diventa schermo per apparizioni che scombinano i piani esterno/interno (ad esempio i corpi si trasformano in una cassettiera che contiene biancheria o attrezzi da lavoro: un’immagine di funzionalità, ma anche di forgiatura interna e di privato).
In effetti, come dimostrano i titoli delle creazioni realizzate sino ad oggi da Charlotte Vanden Eynde (Legbreaks, Womanfolding, Body Material, Map Me, Beginning/Endings) al centro della sua ricerca è proprio il corpo: esso è materiale, strumento e oggetto da esplorare, ma anche soggetto.
Scoprire il proprio corpo (Legbreaks), mettere a confronto il corpo con oggetti e abiti (Womanfolding), usare il corpo come una ‘cosa’ (Body Material), tastare e sondare il corpo sia dall’esterno che dall’interno (Map Me), cercare forme primitive di movimento come quelle che si possono osservare in un neonato (Beginning/Endings).
Il percorso seguito da Charlotte Vanden Eynde nella sua breve carriera sembra voler prendere le distanze dalla danza, avvicinandosi più allearti plastiche, mettendo in questione le regole della stabilità e giocando sulla scena con la propria vulnerabilità ed intimità.