Grazie di esserti iscritto alla newsletter di Xing. Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato. Thanks for joining the Xing newsletter. You’ll receive an email notification.

Versione

Not every object used to nail is a hammer

 Gaëtan Bulourde & Olivier Toulemonde

 
 

performance prima italiana

Cosa vuol dire essere abili? Cosa è fatto bene e cosa è fatto male? Nel 1989 l'artista Fluxus Robert Filliou ha dato una risposta semplice e complicata a queste due domande, una risposta che riduceva le possibilità di critica all'assurdo: fatto bene = fatto male = non fatto. Fillou aveva realizzato 3 oggetti con un calzino rosso e una scatola gialla: uno ben fatto, uno mal fatto e uno che proprio non era stato fatto. L'insieme costituiva un nuovo oggetto, ben fatto. A sua volta questo nuovo oggetto veniva accostato ad un altro oggetto mal fatto e ad uno non fatto; dal suo punto di vista si trattava di un ulteriore oggetto ben fatto. E così via. Alla fine, per mancanza di spazio, ha smesso di produrre arte ben fatta. In Not every object used to nail is a hammer Gaëtan Bulourde e Olivier Toulemonde, performer, musicisti e artisti visivi francesi, trasferiscono questo principio alla serie di: un martello, tre chiodi, un piano di lavoro; ma soprattutto mettono l'accento sulla creazione dell'opera che, in quanto attività, ovvero performance, diventa opera in sé. E il suono creato mentre si produce arte diventa musica concreta. Secondo Fillou un artista deve essere buono a nulla per essere bravo in tutto.

performance italian premiere

What is skill? What is good, what is bad? Fluxus artist Robert Filliou provided a simple and yet complicated answer to this in 1969, an answer that reduced the possibilities of criticism to absurdity: Well done = badly done = not done. He made three objects out of a red sock and a yellow box, one good, one bad, and one he didn’t make at all. Together, all three created a new, well-done object – which, in turn, he juxtaposed with another badly done and not-done object, which, for him, created yet another new, well-done object, and so on. Eventually, lack of space prevented him from producing any more, increasingly large well-done art. In Not every object used to nail is a hammer the French performers, musicians and visual artists Gaëtan Bulourde and Olivier Toulemonde transfer this principle to objects that consist of a hammer, three nails and a board, but above all they place the emphasis on the creation of the works that – as a performance – becomes a work itself. And the sound created while making art becomes concrete music. Because the exhibition becomes a performance and the performance becomes an exhibition, every single step, be it done well, badly or not at all, can equally be assessed well, badly or not at all. In Filliou’s words: An artist should be good-for-nothing in order to be good at everything.