Grazie di esserti iscritto alla newsletter di Xing. Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato. Thanks for joining the Xing newsletter. You’ll receive an email notification.

Versione

All the way alive (Air Trees Water Animal)

 Andrea Dojmi, Flushing Device

 
 

Le parole di Bob Lazar, intervistato a Las Vegas nel 1989, aprono All the way alive, mentre ci si avvicina a una delle zone più nascoste e protette dell’intero pianeta, il Groom lake, la zona S4.
Girato lungo il perimetro dell’area 51, la Extraterrestrial -375- Highway, la sperduta Rachel in Nevada, e Cielo Drive a Los Angeles, All the way alive è un film vivo, destinato a mutare e a svilupparsi nel corso del tempo, quasi un thriller che costruisce man mano la propria narrativa rinunciando alla narrativa stessa, affidandosi alle sequenze girate da Andrea Dojmi e al suono della chitarra di Flushing Device.
Alan e Jam, i due bambini, protagonisti nascosti di Aimready, (il “libro film” pubblicato da A. Dojmi nel 2005  Booth-Clibborn editions), tornano ormai grandi, in All the way alive: tutti i giochi, le attività e le regole del proprio passato, sono adesso da ricollegare a matematiche aliene.
Forse un film sugli UFO abductions, rivelatorio e inspiegabile, All the way alive riporta ad uno stato remoto della propria immaginazione, localizzato in  ricordi lontanissimi.