Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato.

Nome
Cognome
E-Mail
Versione
 

Siberian Fieldworks (Fieldworks#10)

 Carlos Casas, Sebastian Escofet

 
 

produzione Netmage 07

Parte della trilogia di film dedicati ai luoghi di vita più estremi del pianeta, Siberian Fieldworks viene presentato a Netmage un’inedita anteprima in forma di live per due schermi. Preceduto da Aral Fishing in an invisible sea, straordinario racconto sulla vita delle tre generazioni di pescatori sul lago di Aral, film che ha vinto il premio come miglior documentario al Torino Film festival nel 2004, ed è stato selezionato al Rotterdam film festival, Visions du reel di Nyon, One world Prague, e Documenta Madrid dove ha conseguito la menzione speciale della giuria. Del 2005 è invece Solitude at the end of the world, film risultato della sua ricerca in Patagonia, che ha ottenuto il premio speciale della giuria al Buenos Aires International Film festival nel 2006.  

Part of the trilogy of films dedicated to some of the most extreme places on the planet, Siberian Fieldworks, is a preview of which will be presented at Netmage as a live 2-screen projection. The trilogy is composed by Aral Fishing in an invisible sea, an extraordinary tale of the lives of three generations of shepherds on Lake Aral; the film won the prize for best documentary at the 2004 Torino Film festival. It has been selected for the Rotterdam film festival, Visions du reel Nyon, One World Prague, and Documenta Madrid where it received a special jury mention. Second chapters is Solitude at the end of the world, a film based on his research in Patagonia, which received the special jury prize at the 2006 Buenos Aires International Film festival.