Grazie di esserti iscritto alla newsletter di Xing. Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato. Thanks for joining the Xing newsletter. You’ll receive an email notification.

Versione

Stilllivingrooms

 Mirco Santi, Andrea Belfi

 
 

Any room is a living room. Ogni stanza è una stanza vivente. Ogni stanza sta, quieta, disponibile ad essere abitata. Ogni stanza aspetta silenziosa che i suoi abitanti ci si insedino, la trasformino. Stilllivingrooms gioca con elementi diversi: l’Intimità - delle immagini di Home Movies appartenenti ad archivi familiari privati -, la circolarità suggerita dalla ripetizione/loop degli elementi sonori, la libera associazione di forme, emozioni e suoni che scaturisce dall'interazione fra audio e video. Un live-set audio visuale, che si sviluppa attorno alla stanza, ovvero agli elementi concreti e concettuali che la costituiscono e che ritroviamo all’interno di uno spazio abitativo quale un appartamento. La narrazione non segue uno sviluppo temporale, è divisa in tre parti ed è costituita da un flusso di immagini estratte da pellicole amatoriali - girate in 8mm, super8, 9,5 mm - che mostrano interni e oggetti di arredamento come in uno straniato catalogo del gusto attraverso le epoche del tardo novecento.

Any room is a living room. Every room is quiet, open to be inhabitated. Every room silently awaits its inhabitants to live in it thus transforming it. Stilllivingrooms plays with different elements: the intimacy - of the images from Home Movies' archive that collects private family films -, the circularity suggested from the repetition/loop of the sound elements, and the free association of forms, emotions and sounds springing from the interaction between audio and video. An audio-visual live-set, developing around a filmed room and a real room, overlapping conceptual and real elements that we find in a living space such as a flat. The narrative doesn't follow a temporal progression, is divided into three parts and is constituted by a flux of images taken from amateur films - shot in 8mm, super8, and 9,5 mm - showing interiors and furniture objects as in a stranded catalogue of the late XXth century taste.