Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato.

Nome
Cognome
E-Mail
Versione
 

Curva

una performance di Muna Mussie

27/2/2019 - 27/2/2019
Raum Bologna

Mercoledi 27 febbraio alle 20.00 Xing presenta a Raum Curva, una nuova performance di Muna Mussie, esito di una residenza di ricerca e creazione sul 'pestaggio del suono'. (produzione Xing).

Curva: "Posseggo una macchina da cucire con la quale posso ricamare parole su tessuto; prima penso a cosa scrivere, poi scelgo il tessuto e infine ne delimito la spaziatura. Avvio la macchina: il suo movimento meccanico e alienante è sin da subito ipnotico.. punto dopo punto le linee si disegnano/designano, le lettere emergono e con esse il loro significato. Ho voluto estrarre da questo processo il sonoro prodotto dalla ricamatrice e farne la partitura musicale per un corpo in movimento. Il corpo diventa ricamatrice: esegue senza conoscerne il fine; come vivesse in un oblio perenne, parla da un altrove che si manifesta qua."   (M.M.)

Muna Mussie, artista eritrea basata a Bologna, indaga nuovi linguaggi della scena e delle performing arts. Il suo lavoro, tra gesto, visione e parola, ricerca accordi precari per dare forma alla tensione che scaturisce tra differenti poli espressivi. Tra le produzioni: Più che piccola, media (2007), Con Permesso (2008), progetto site specific Galata Perform Istanbul, Ti ho sognato, ma non eri il protagonista (2010). È autrice con Flavio Favelli della collezione di abiti FFMM (2007-2009). Tra i progetti internazionali: Monkey See, Monkey Do (Chapter I-II, 2011-2012); seguono l'installazione e performance Milite Ignoto (2015) e la performance Oasi (2018) che indagano le apparizioni fantasmatiche e la storia minore. Tra gli interventi oggettuali si segnala il progetto Punteggiatura (2018) basato sulla pratica del cucito, che vede la lingua come spazio politico-affettivo.  Il suo lavoro è stato presentato ad Art Fall/PAC Ferrara, Raum e Live Arts Week Bologna, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo Torino, Museo Marino Marini Firenze, Workspace Brussels, MAMbo Bologna, Màntica Cesena, Santarcangelo Festival, Viafarini Milano, Ipercorpo Festival, Museion Bolzano, Festival Pergine Spettacolo, Sale Docks Venezia, ERT Bologna. Premi: Riccione TTV-premioPier Vittorio Tondelli/Nuovi Talenti 2008, Performance day 2008, segnalazione Premio Iceberg 2009, Premio Mondo 2010.

***

Wednesday 27 February at 8pm Xing presents at Raum Curva, a new performance by Muna Mussie, which is the result of a residence for researching the ’trampling of sound'. (Xing production).
 
Curva: "I have a sewing machine with which I can embroider words on fabric; first I think about what to write, then I choose the fabric and in the end I define the spacing. I start the machine: its mechanical and alienating movement is immediately hypnotic. Point by point the lines are drawn, they design/designate, the letters emerge and with them their meaning. I want to extract from this process the sound produced by the embroiderer and make it the musical score for a moving body. The body becomes the embroiderer. It executes movement without knowing its purpose; as if it was living in a perennial oblivion, from an elsewhere that manifests itself here.” (M.M.)

Curva
concept and performance Muna Mussie
sound Massimo Carozzi
production Xing/Raum

Muna Mussie, Eritrean artist based in Bologna, investigates the performing arts and the scenic languages to give shape to the tension that flows between different expressive poles, through gesture, vision and word. Among her performances: Più che piccola, media (2007), Con Permesso (2008), and the site specific project for Galata Perform Istanbul, Ti ho sognato, ma non eri il protagonista (2010). She is co-author with Flavio Favelli of the FFMM clothing collection (2007-2009). Among the international projects for the scene: Monkey See, Monkey Do (Chapter I-II, 2011-2012), the installation and performance Milite Ignoto (2015), and the performance Oasi (2018) which investigates ghostly apparitions and minor stories. Object interventions include the project and collective book Punteggiatura (2018) based on the practice of sewing, a discourse put into practice that considers language as a political-affective space. Her work has beeen presented at Art Fall/PAC Ferrara, Raum e Live Arts Week Bologna, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo Torino, Museo Marino Marini Firenze, Workspace Brussels, MAMbo Bologna, Màntica Cesena, Santarcangelo Festival, Viafarini Milano, Ipercorpo Festival, Museion Bolzano, Festival Pergine Spettacolo, Sale Docks Venezia, ERT Bologna. Awards: Riccione TTV-premio Pier Vittorio Tondelli/Nuovi Talenti 2008, Performance day 2008, segnalazione Premio Iceberg 2009, Premio Mondo 2010.